I Padroni dell’Acciaio

I PADRONI DELL’ACCIAIO

I Padroni dell’Acciaio racconta le battaglie e le imprese di dieci soldati, condottieri e uomini d’arme del XV e XVI secolo, attraverso avvincenti monografie e illustrazioni prestigiose (20 opere originali e oltre 30 mappe). Oltre a una bibliografia generale commentata alla fine del volume, ogni monografia è dotata di una specifica bibliografia commentata.

I protagonisti del volume sono Giorgio Castriota Scanderbeg, Pier Gerlofs Donia, Pregianni de Bidoux, Ettore Fieramosca, Giovanni delle Bande Nere, Enrico V di Brunswick, Alberto Alcibiades, Jean de La Valette, Astorre Baglioni e Franz Schmidt.

L’idea di pubblicare questo volume nasce dalla passione per l’oplologia e la guerra medievale-rinascimentale di uno storico, Gabriele Campagnano, e di un disegnatore professionista, Francesco Saverio Ferrara. Unire la narrazione storica all’arte è ciò che li ha spinti ad unire gli sforzi per questo progetto. Il progetto di crowdfunding editoriale alla base de I Padroni dell’Acciaio è stato il più finanziato di sempre in lingua italiana ed è rimasto per diverse settimane nella classifica “Top Ispirational” di Indiegogo.

  • 194 pagine a colori
  • 20 illustrazioni originali di Francesco Saverio Ferrara
  • 30+ mappe del XVI-XIX secolo rielaborate
  • carta patinata opaca da 135gr
  • Sono inclusi 2 segnalibri in edizione limitata

Introduzione

Quindicesimo secolo. Il mestiere delle armi sta cambiando. Prima in modo lento, con le fanterie in grado di fare a pezzi la cavalleria pesante, poi in modo frenetico, con l’introduzione e l’evoluzione delle prime bocche da fuoco. Dalla notte dei tempi, l’uomo ha combattuto con gli stessi mezzi, ma alla fine del XV secolo arriva il momento di rottura, il cambio di paradigma. La Rivoluzione delle Cose Militari stravolge il mondo più di quella Copernicana e di quella Francese. Nulla sarà più come prima. Il Guicciardini parla dell’enorme cambiamento delle cose di guerra dovuto al “furore delle artiglierie” e ad un “altro modo” di combattere della fanteria. Dal passaggio di Carlo VIII in Italia, – possiamo quindi, a mero titolo indicativo, prendere la data del 1494 come momento di rottura – il modo di fare la guerra non sarà più lo stesso. Alcuni dei protagonisti di questo volume si sono esaltati nella lotta contro la minaccia ottomana, altri nei conflitti religiosi, politici e sociali che hanno incendiato l’Europa del XVI secolo.

È difficile, peraltro, mettere insieme personaggi così diversi fra loro. Cosa può avere in comune una brutale macchina da guerra, come Albrecht Alcibiades, con Astorre II Baglioni e le sue eccezionali capacità tattiche e ingegneristiche? Chi mai potrebbe tracciare un parallelo tra la furia sanguinaria del gigantesco Pier Gerlofs Donia e i quarant’anni di metodico guerreggiare di Enrico V di Brunswick? Tutti loro hanno però un tratto comune, quello di essere riusciti a piegare la materia al proprio volere e a trasformare l’acciaio delle armature e delle armi in una propaggine del corpo e in uno strumento al servizio del loro intelletto. Tutti loro sono stati Padroni dell’Acciaio.

Riassumere in poche righe eventi quali la Riforma Protestante, l’espansionismo ottomano, le Guerre Italiane, e ricostruire, allo stesso tempo, la vita di personaggi del calibro di Carlo V, Luigi XII, Solimano il Magnifico, Francesco I, Andrea Doria e tanti altri, è semplicemente impossibile. Forse, ancor più di questi ultimi, meriterebbero un’adeguata trattazione (la speranza è di dedicare loro altri volumi de I Padroni) i personaggi considerati secondari – spesso solo perché senza una corona sul capo e uno scettro nel pugno – ma che secondari non sono. Parlo di Prospero Colonna, il Cavalier Romegas, Vitello Vitelli, Georg von Frundsberg, Francesco Maria della Rovere, Consalvo di Cordova, Francesco Ferrucci e tanti altri, ma anche di quelli che sono stati avversari di pari valore dei grandi condottieri europei.

Da Barbarossa a Dragut, fino a Piali Pashà e Mehemed Pashà, la lista sarebbe, anche in questo caso, lunghissima. Relativamente alla stesura di questo volumetto, il mio più grande cruccio non riguarda però ciò che ho scritto, ma quello che, per forza di cose, ho dovuto omettere. È stato difficile, quando non fisicamente doloroso, lasciare ai margini di questa trattazione, o menzionare solo di sfuggita, battaglie e imprese che hanno fatto la storia del continente europeo.

I dieci protagonisti di questo volume hanno avuto vite ricche di avvenimenti, ma le esigenze di stringatezza di questo primo progetto sono state talvolta inclementi, impedendomi di approfondire alcune discordie tra le fonti e, soprattutto, fornire degli inquadramenti storici di più ampio respiro. Per evitare, poi una trattazione confusionaria, mi sono affidato a un rigido criterio cronologico, privilegiando la narrazione dei fatti storici alle considerazioni personali. Fatta questa premessa, penso di essere riuscito, anche grazie alle evocative illustrazioni di Francesco Saverio Ferrara, a rendere il giusto omaggio a questi personaggi straordinari.

  • Spese di spedizione incluse
  • Tutte le copie sono firmate dall'autore
  • Sono inclusi 2 segnalibri in edizione limitata
  • solo 22,90 euro

Puoi acquistare Il Diario di Federmann e i Padroni dell'Acciaio a soli € 32.90.

In omaggio, 4 Segnalibri!