ZWEILAWYER

Bibliografia

Armi e Armature

  • Ancient Armour ad Weapons in Europe from the iron period of the northern nations to the end of the XIII century (1855),  J.Hewitt e C.Blair.
  • A record of European armour and arms through seven centuries (1920), Sir Guy Francis Laking.
  • Arms and Armor of the Medieval Knight (1988), David Edge, John Miles Paddock. Random House.
  • Medieval Armies and Weapons in Western Europe: An Illustrated History (2004), Jean-Denis G. G. Lepage, 2004. McFarland & Company.
  • Hafted Weapons in Medieval and Renaissance Europe: The Evolution of European Staff Weapons between 1200 and 1650 (2005),  John Waldman (2005). Brill Academic Pub.
  • Armour & Weapons (1909), J.C. Ffoulkes.
  • Medieval Weapons: An Illustrated History of Their Impact (2007), Kelly DeVries, Robert Smith. ABC-CLIO.
  • Medieval Arms Armor and Tactics (2002), Brent Palermo, Jack Waddell
  • Arms and Armours In The Medieval Teutonic Order’s State In Prussia (1994), Andrzej Nowakowski, arms&armor press

***

Spade

  1. The Archaeology of the Weapons (1960), R. Ewart Oakeshott. Dover Publication.
  2. The Sword in the Age of Chivalry (1964), Ewart Oakeshott. Boydell Press.
  3. Swords in the Viking Age (2007), Ian Peirce, Ewart Oakeshott.  Bodyell Press.
  4. European Weapons and Armour: From the Renaissance to the Industrial Revolution (2000),  Ewart Oakeshott. Boydell Press.
  5. The Secret History of the Sword: Adventures in Ancient Martial Arts (1998), J.Christopher Amberger. Unique Publications.
  6. Medieval Combat: A Fifteenth-Century Illustrated Manual of Swordfighting and Close-Quarter Combat (2000).  Hans Talhoffer, Mark Rector. Greenhill Books.
  7. Complete Bladesmith: Forging Your Way To Perfection (1987), Jim Hrisoulas. Paladin Press.

***

L’Arte della Guerra I: Roma

  • Roman Military Equipment: From the Punic Wars to the Fall of Rome (1993), M. C. Bishop, J. C. N. Coulston. Trafalgar Square Publishing.
  • The Roman Army, 31 BC-AD 337: A Sourcebook (1994), Brian Campbell. Routledge.
  • The Complete Roman Army (2003), Adrian Goldsworthy.Thames & Hudson.
  • Roman Military Service: Ideologies of Discipline in the Late Republic and Early Principate (2008), Sara Elise Phang. Cambridge University Press.
  • Companion to the Roman Army (2007), 29 contributi. Wiley-Blackwell.
  • The Cambridge History of Greek and Roman Warfare: Volume 2, Rome from the Late Republic to the Late Empire (2007), Philip Sabin, Hans van Wees, Michael Whitby. Cambridge University Press.
  • The Impact of the Roman Army (200 B.C. A.D. 476): Economic, Social, Political, Religious and Cultural Aspects (2007), Blois L. De, Lo Cascio E.,Brill Academic Pub.
  • Roman Eastern Frontier and the Persian Wars: 363-628 AD (2002), Geoffr Greatrex. Routledge

***

L’Arte della Guerra II: Medioevo e Rinascimento

  • Warfare end Society in the Barbarian West 450-900 (2003), Guy Halsall. Routledge.
  • The Cambridge Illustrated Atlas of Warfare: The Middle Ages, 768-1487 (1996), Nicholas Hooper, Matthew Bennett. Cambridge University Press.
  • The Art of Warfare in Western Europe During the Middle Ages: From the Eighth Century to 1340 (1954), J.Verbruggen. Boydell Press.
  • Medieval Naval Warfare  1000-1500 (2001), Susan Rose. Routledge.
  • Fighting Techniques of the Medieval World: Equipment, Combat Skills and Tactics (2005), Matthew Bennett, Jim Bradbury, Kelly DeVries, altri.Thomas Dunne Books.
  • Medieval Chinese Warfare, 300-900 (2001), David Graff. Routledge.
  • European Warfare, 1350-1750 (2010), Frank Tallett, D. J. B. Trim. Cambridge University Press.
  • Byzantium’s Balkan Frontier: A Political Study of the Northern Balkans, 900-1204 (2000), Paul Stephenson. Cambridge University Press.
  • Byzantine Military Organization on the Danube, 10th–12th Centuries (2013), Alexandru Madgearu. BRILL
  • The Military Organization of a Renaissance State: Venice c. 1400 to 1617 (1984), M. E. Mallett, J. R. Hale. Cambridge University Press.
  • The Occitan War: A Military and Political History of the Albigensian Crusade, 1209-1218 (2008), Laurence W. Marvin. Cambridge University Press.

***

Politica, società, religione e tecnologia nel periodo romano-bizantino

  • A Companion to Late Antiquity (2009), Philip Rousseau. Blackwell.
  • A History of the Byzantine State and Society (1997), Warren Treadgold. Stanford University Press.
  • Poverty in the Roman World (2006), Margaret Atkins, Robin Osborne. Cambridge University Press.
  • Information and Frontiers: Roman Foreign Relations in Late Antiquity (2006), A. D. Lee. Cambridge University Press.
  • Childhood, Class and Kin in the Roman World (2001), Suzanne Dixon. Routledge.
  • Structure and Scale in the Roman Economy (1990), Richard Duncan-Jones. Cambridge University Press.
  • Bread and Circuses: Euergetism and Municipal Patronage in Roman Italy (2002), Tim Cornell. Routledge.
  • Banking and Business in the Roman World (1999), Jean Andreau. Cambridge University Press.
  • Barbarian Migrations and the Roman West, 376-568 (2008), Guy Halsall. Cambridge University Press.
  • Envoys and Political Communication in the Late Antique West, 411-533 (2003), Andrew Gillett. Cambridge University Press.
  • Surgical Instruments in Greek and Roman Times (1907), John Stewart Milne, M.A., M.D. Aberd. Oxford: Clarendon Press.
  • The Byzantine Economy (2007), Angeliki E. Laiou, Caecile Morrisson. Cambridge University Press.
  • Studies in the Byzantine Monetary Economy c. 300-1450 (1985), Michael F. Hendy, Cambridge University Press

***

Politica, società, religione e tecnologia nel periodo medievale e rinascimentale

  • Medieval Economic Thought (2002), Diana Wood. Cambridge University Press.
  • European Warfare, 1350-1750 (2010), Frank Tallett, D. J. B. Trim. Cambridge University Press.
  • Captivity and Imprisonment in Medieval Europe, C. 1000-C. 1300 (2003), Jean Dunbabin. Palgrave Macmillan.
  • Early Medieval Settlements: The Archaeology of Rural Communities in North-West Europe 400-900 (2003),  Helena Hamerow. Oxford University Press.
  • Money and its Use in Medieval Europe (1989), Peter Spufford. Cambridge University Press.
  • The Late Medieval Balkans: A Critical Survey from the Late Twelfth Century to the Ottoman Conquest (1987), John V. A. Fine Jr. University of Michigan Press.
  • Crime and Justice in Late Medieval Italy (2007),Trevor Dean. Cambridge University Press.
  • Commercial Agreements and Social Dynamics in Medieval Genoa (2009), Quentin van Van Doosselaere. Cambridge University Press.
  • Empires Of Medieval West Africa: Ghana, Mali, And Songhay (aggiornato 2009) di  David C. Conrad. Chelsea House Pub.
  • Working with Water in Medieval Europe (2000), Paolo Squatriti.  Brill Academic Pub.
  • A Cumulative Bibliography of Medieval Military History and Technology (2001, History of Warfare, 8), Kelly Devries, Brill Academic Pub
  • Constructing Medieval Sexuality (1997), Karma Lochrie, Peggy McCracken, and James A. Schultz. Univ Of Minnesota Press.
  • Medieval Sexuality: A Casebook (2010) April Harper , Caroline Proctor. Routledge

 

16 commenti

  1. Zweilawyer Zweilawyer
    marzo 29, 2011    

    Inauguro ufficialmente la Bibliografia, che aggiornerò in tempo reale. Per accedervi direttamente, basta cliccare sulla scritta bianca nella barra di destra (è l’ultima categoria).

  2. Tapiroulant Tapiroulant
    marzo 29, 2011    

    Ottimo!
    Come già ti dissi, comunque, ti consiglio di aggiungere a margine dei titoli qualche commento sul contenuto e confronto con gli altri testi. Molti dei testi che elenchi infatti coprono gli stessi argomenti (almeno a giudicare dai titoli), e magari uno vorrebbe orientarsi meglio su a quale dare la priorità… (io ad esempio <..>)

  3. marzo 29, 2011    

    Ottima bibliografia, e mi sembra di notare una certa predilezione per il periodo età oscura – bizantino 😀 😉

  4. dunseny dunseny
    marzo 29, 2011    

    anacroma” il periodo età oscura – bizantino”

    è la fissa del nostro padrone di casa, non lo sapevi? 🙂

  5. Tapiroulant Tapiroulant
    maggio 25, 2011    

    Zwei, ti segnalo due fatti gravi!

    Il pdf di “Early Medieval Settlements: The Archaeology of Rural Communities in North-West Europe 400-900” ha dei quadrati neri o pixellati al posto della maggior parte delle immagini, il che rende un po’ difficoltosa la lettura, soprattutto quando dice: “Come si vede dall’immagine…” 😆

    Il pdf di “The Archaelogy of the Weapons” che sta su library.nu ha una pagina mancante: Pag.13, la prima dell’Introduzione!

    Come direbbe la buonanima di Lenin: che fare?

    Ah, un’altra cosa: il mio commento sulla Bacheca Retard è stato messo in moderatore perché c’ha troppi link. Sii buono, sbloccamelo.

  6. Zweilawyer Zweilawyer
    gennaio 5, 2012    

    UPDATE:
    1. da oggi tutti i testi inseriti nella Bibliografia hanno un link funzionante (tranne quelli eliminati da library.nu, al momento 2);
    2. ho inserito le prime due pagine web (esercito romano)

  7. Zweilawyer Zweilawyer
    febbraio 16, 2012    

    Ovviamente, i link sono andati tutti affanculo.

  8. Polveredighiaccio Polveredighiaccio
    febbraio 16, 2012    

    Mi spiace Zwei.
    Le lobby al potere remano contro.
    Aspettiamo e vediamo cosa succede.

  9. aprile 29, 2012    

    hai provato a guardare su library genesis? stavo cercando roba su armi ed eserciti e alcuni dei libri che hai elencato lì trovano

  10. Zweilawyer Zweilawyer
    aprile 29, 2012    

    Su library genesis ce ne sono molti, ma dubito che avrò il tempo di cambiare tutti i link.

  11. reno reno
    febbraio 27, 2013    

    Medieval Combat: A Fifteenth-Century Illustrated Manual of Swordfighting and Close-Quarter Combat (2000). Hans Talhoffer, Mark Rector. Greenhill Books.

    Zwey ma questo comprende anche tecniche valide per combattimento con spada e scudo?

  12. Ricc Ricc
    dicembre 19, 2014    

    O Mio Dio :O; penso di essermi innamorato :'(.
    Personalmente consiglio anche Gastone Breccia, se ti piacciono le tecniche di guerra e guerriglia.

    • Zweilawyer Zweilawyer
      dicembre 19, 2014    

      Spero sia un amore intellettuale nei confronti di codesta pagina!

  13. Mānū Mānū
    maggio 19, 2015    

    Chiedo venia per l’intervento, ma penso che ci siano degli errata (alcuni abbastanza gravi) in tre dei testi sotto la voce “Armi e armature”. Nello specifico:

    4) Medieval Armies and Weapons in Western Europe: An Illustrated History (2004), Jean-Denis G. G. Lepage, 2004. McFarland & Company.
    Le illustrazioni lasciano molto a desiderare. Non tanto per lo stile dei disegni, quanto per le rappresentazioni che rimandano alle interpretazioni ormai superate di Viollet Le-Duc. Ad occhio, metà dei disegni non sono rappresentazioni verosimili ma sembrano usciti da qualche fantasy. Vedere un cavaliere unno che regge in mano un naginata oppure un vichingo che indossa un misto tra lamellare e “ring armor” invece dell’usbergo mi ha portato abbastanza sconforto.

    6) Armour & Weapons (1909), J.C. Ffoulkes.
    Come sopra, il problema è che l’autore prende per buone le interpretazioni di Viollet Le-Duc su “trelliced mail”, “banded mail”, “ring mail” e simili, cioè interpreta letteralmente sculture e manoscritti dell’epoca invece di vederli come rappresentazioni stilizzate del gambeson, della classica cotta di maglia 4-1 o più raramente di armature a scaglie. Dovrebbe essere la norma perché le teorie di Viollet Le-Duc hanno trovato seguito accademico fino agli anni ’60 (ma già Sir Guy Francis aveva i suoi dubbi in proposito, infatti il testo 2. è più che decente e soprattutto correlato di fotografie con tanto di fonte).

    7) Medieval Weapons: An Illustrated History of Their Impact (2007), Kelly DeVries, Robert Smith. ABC-CLIO.
    Credo di aver trovato uno sfondone abbastanza grosso all’inizio, il che mi ha tolto la voglia di continuare. Gli autori descrivono la lorica segmentata come una protezione fatta da piastre di bronzo, più costosa della lorica hamata e della lorica plumata. Le fonti da cui ho attinto finora dicono il contrario: la lorica segmentata era fatta con piastre di ferro di bassa qualità ed era uno dei primi esempi di armatura “da munizione”, mentre chi poteva permetterselo ripiegava su lorica hamata o lorica squamata, mentre le costosissime lorica hamata squamataque e la thorax di bronzo rimasero appannaggio di una piccolissima minoranza di ufficiali dell’esercito. Quindi non so se è errore mio o errore degli autori, come fonti per la seconda posizione posso citare Dan Howard e David Nicolle che mi sembrano decisamente preparati in materia.

    • maggio 20, 2015    

      Guarda Manu, ci sono centinaia di errori di ricostruzione storica nei libri che ho inserito nella lista. Purtroppo nessuna pubblicazione, specie se del XIX-inizio XX secolo, potrebbe evitare una “errata corrige”. Il valore di queste opere è relativo più alla storia dell’oplologia che non all’accuratezza scientifica.

      • Mānū Mānū
        maggio 20, 2015    

        Ma infatti finché si tratta di libri del 1800 oppure della prima metà del 1900 non c’è niente da stupirsi a riguardo (nonostante questo alcuni libri, come quelli di Sir Guy Francis, sono scritti molto bene per essere più vecchi del 1970).
        Il problema è quando si ritrovano gli stessi errori in libri recenti, scritti nel 2000 o giù di lì, come i due che ho segnalato. Molti hanno il vizio di non citare tutte le fonti usate nella stesura del libro, e un professore che si affida al “sentito dire” per scrivere trattati di storia o di archeologia non è per niente professionale.
        E la situazione si aggrava ulteriormente quando c’è la politica di mezzo, per esempio i libri sul conflitto arabo-israeliano oppure sull’iranologia, dove trovare libri neutrali e privi di errore diventa arduo. Sull’ultima in particolare si hanno tre scelte: 1) leggere i libri di studiosi nazionalisti avversi al regime, che glorificano l’epoca pre-islamica in maniera spropositata; 2) leggere i libri di studiosi islamisti secondo i quali i persiani erano dei barbari incivili prima dell’avvento dell’Islam; 3) leggere i libri di studiosi di lingua e cultura non-iranica, che pur avendo un punto di vista più neutro hanno molte più difficoltà nel tradurre correttamente le fonti scritte.
        Per dirne una, nelle scuole armene insegnano una versione della battaglia di Avarayr molto diversa da quella descritta nel tuo articolo: non parlano del tradimento della fazione pro-sasanide e dicono che gli armeni pur essendo sconfitti inflissero perdite talmente pesanti ai persiani da costringerli alla ritirata (perché 3000 perdite – in maggioranza ausiliari non persiani – sono sconvolgenti per un Impero con la metà della popolazione dell’Impero Romano, lol).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Supporta la storiografia 2.0

Statistiche

  • 889
  • 277.947
  • 5.216.160