battaglia di haugsnes 1246

La Battaglia di Haugsnes (1246): un (moderato) Massacro Islandese

La Battaglia di Haugsnes (1246) rappresenta lo scontro armato più violento della storia islandese. Anche se morirono “solo” un centinaio di soldati.

La c.d. Epoca degli Sturlungar, durata più di quarant’anni tra il il 1220 e il 1264 circa, è la più violenta della storia islandese.
In quel periodo, l’isola è divisa sostanzialmente in 4 parti (nord, sud, est, ovest) e sono presenti 39 capi locali (“goðar”), ossia signori della guerra che reggono istituzioni analoghe a quelle dei clan.

Gli sturlungar rappresentano proprio uno di questi clan, quasi tutti vassalli del Re di Norvegia Haakon IV.

Snorri Sturluson diventa il più importante rappresentante di Haakon in Islanda, ma suo nipote Sturla Sighvatsson viene sconfitto e ucciso dai clan rivali. A guidare questi ultimi è Kolbeinn Arnórsson, della famiglia Ásbirningar, che vince la Battaglia di Örlygsstaðir (1238). Uno scontro che rimane, a tutt’oggi, quello con il maggior numero di guerrieri sul suolo islandese, quasi 2.000. I morti, però, sono solo 50. In pratica, morirono più persone nelle risse durante il matrimonio di Giorgio Castriota Skanderbeg.

Thordhur kakali, fratello di Sturla, ritorna dalla Norvegia tre anni dopo per vendicare il fratello e si stabilisce nella parte occidentale dell’isola. Così, intorno al 1242, ha molte difficoltà a trovare alleati.

Tuttavia, riesce a mettere insieme il fylgoarmannasveit, un corpo di guardia fondamentale per ogni capo islandese. La pietra angolare, potremmo dire, di ogni esercito isolano.

Avendo passato buona parte della sua vita in Norvegia, Thordhur è anche entrato in contatto con gli ideali “cavallereschi” e con un cristianesimo meno grezzo di quello islandese. Per questo motivo, chiede ai suoi uomini di seguire delle “regole di guerra” diverse da quelle in uso, fino ad allora, sull’isola. Dovranno risparmiare da saccheggi e razzie le donne e i luoghi sacri. In questi ultimi, diventa obbligatorio entrare senza armi.

Come scrisse uno dei più importanti studiosi di medioevo islandese, il Prof. Jon Johannesson (1909-1957):

Furono molti i modi in cui Thordhur si mostrò più clemente, umano e intelligente degli altri capi clan.

Tra il 1243 e il 1244, Thordhur riesce a portare dalla sua parte un buon numero di clan. Le forze di Kolbeinn Arnórsson, ancora a capo degli Ásbirningar, sono superiori alle sue, ma decide di impegnarlo comunque nella più grande battaglia navale combattuta tra islandesi.

Nell’assolata notte artica del 24 Giugno 1244, le due flotte si scontrano nella Battaglia di Flòi. All’inizio, pur disponendo di un numero minore di navi, Thordhur riesce ad affondare diversi vascelli di Kolbeinn Arnórsson ma, alla fine, è costretto a ritirarsi. Uno scontro non risolutivo, quindi, che rende la situazione ancora più precaria.

Anche il tentativo di rimettere la controversia al giudizio di Re Hakon fallisce, ma la morte improvvisa di Kolbeinn (22 Giugno 1245), appena trentacinquenne, modifica ancora l’equilibrio delle forze in campo.

A prendere il suo posto è il cugino, Brand Kolbeinsson. Sia lui che Thordhur sono alla ricerca di una battaglia finale che ponga fine, una volta per tutte, alla questione.

L’occasione giusta si presenta a metà dell’Aprile 1246, quando l’armata di Thordhur (che conta, con tutta probabilità 300-400 uomini) si dirige verso lo Skagafjörður. Alla notizia dell’arrivo del nemico, Brand si muove con i suoi, forse 500 uomini.

Battaglia di Haugsnes
Il luogo della Battaglia di Haugsnes del 1246

Il campo dove i due eserciti si danno battaglia è quello di Haugsnesbardagi (Haugsnes).

E’ il 19 Aprile.

Thordhur, secondo alcune fonti, riesce a infiltrare un alcuni uomini nello schieramento nemico, che hanno il compito di gettarsi in ritirata al primo contatto, in modo da creare scompiglio tra i soldati di Brandr. Lo stratagemma è complesso, visto l’esiguità delle forze in campo (in pratica, si conoscono quasi tutti), ma funziona, perché l’esercito di quest’ultimo va in rotta quasi subito.

Le vittime complessive di una sola battaglia toccano – e forse superano – il fatidico numero di 100, tra cui lo stesso Brandr.

In quel giorno, Thordhur vendica il fratello Sturla sconfiggendo gli Ásbirningar, che subiscono un grave colpo al loro apparato militare. Hanno perso, infatti, 70 dei loro migliori guerrieri!

p.s. nel luogo dove avvenne la battaglia, sono state posizionate 1.100 pietre schierate in ordine di battaglia. Quelle che rappresentano un guerriero morto, sono marcate con una croce di ferro.


Bibliografia:

  • J.V. SIGURDSSON, Chieftains and Power in the Icelandic Commonwealth, 1999;
  • J. JOHANNESSON, A History of the Old Icelandic Commonwealth: Islendinga Saga, 1956;
  • G. CHIESA ISNARDI, Storia e cultura della Scandinavia: Uomini e mondi del Nord 2015;

Sul nostro sito non troverai mai banner pubblicitari. Puoi supportare l’attività del Centro Studi Zhistorica acquistando le nostre pubblicazioni. Fino a oggi, abbiamo inviato più di 2.500 volumi! I primi due libri pubblicati da Zhistorica sono il best-seller I Padroni dell’Acciaio, che contiene 10 monografie di condottieri e uomini d’arme cinquecenteschi, e Il Diario di Federmann, la prima traduzione in italiano del diario di viaggio del conquistador tedesco Nikolaus Federmann. Tramite il nostro marchio di narrativa dark-fantasy e horror, Necrosword, abbiamo pubblicato il romanzo Zodd. Alba di Sangue.
Clicca sulle immagini qui sotto per scoprire di più ⬇


volumi zhistorica

2 pensieri riguardo “La Battaglia di Haugsnes (1246): un (moderato) Massacro Islandese

  1. Proprio quando le giornate sembrano noiose et voilà, una perla su Zhistorica ci ricorda che il mondo può essere piacevole.

    Curiosità, sappiamo qualcosa dell’equipaggiamento dei guerrieri islandesi del XIII secolo o possiamo dare per scontato che erano armati alla vichinga, quindi spada, scudo e ascia.

    Grazie per il lavoro che fate.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.