La Ribellione di Jack Cade (1450)

LA RIBELLIONE DI JACK CADE (1450)

notizie storiche jack cadeIl 3 Luglio del 1450, Jack Cade entra a Londra con 40.000 ribelli. Sono giornate di pura violenza e un momento importante, ma poco conosciuto, della storia inglese. Vessati dalle tasse di Londra, aumentate anche a causa della perdita dei territori francesi, i contadini del Kent, guidati dal giovane Cade (che ha 20-30 anni a seconda della fonte) scrivono su una pergamena alcune accuse alla corte del Re, tra cui la famosa:

“Noi, riconoscendo il re come nostro signore e sovrano, e che insaziabili e maligni manipolatori circondano notte e giorno sua altezza, convincendolo, ogni giorno, che ciò che è buono è malvagio e ciò che è malvagio è buono”

Cittadini, soldati e marinai ingrossano le fila di Cade. Entrati in città, Cade processa in modo sommario il Tesoriere William Crowmer e il genero James Fiennes, facendoli decapitare poco dopo. I ribelli portano le due teste in parata per la città, e spesso le appoggiano una contro l’altra per simulare un bacio. Altri nobili subiscono la stessa fine e, soprattutto, i cittadini londinesi comprendono ben presto che i ribelli non sono liberatori, ma avidi razziatori. L’8 Luglio i londinesi, supportati dai soldati del Re, ingaggiano battaglia con i rivoltosi e, dopo ore di lotta, riescono a respingerli sul Ponte di Londra.

A questo punto, il Lord Cancelliere John Kemp raggiunge un accordo con Cade, facendo concedere il perdono di Enrico VI a tutti i ribelli. Cade accetta, ma Kemp manda comunque i suoi uomini a catturarlo. Ferito a morte nello scontro che ne segue, Cade viene trascinato per la città e muore prima di arrivare al processo. Enrico VI lo fa squartare e manda i suoi pezzi in giro per il regno, mentre la testa di Cade rimane in bella mostra sul Ponte di Londra fino alla decomposizione completa.
Quasi due secoli dopo, Shakespeare citerà Cade nella Parte II dell’Enrico VI.

2 pensieri riguardo “La Ribellione di Jack Cade (1450)

  1. Ciao Zwei, scusami ma devo assolutamente porti una domanda (stupida e OT :-)), non so proprio dove trovare questa info.
    Allora, dopo Gaio Mario le dotazioni dei legionari erano standardizzate, giusto? So che le diverse legioni avevano un simbolo che le identificava, ma la divisa era la stessa per tutti?
    Come facevano in battaglia durante le guerre civili? Immagino che si formassero mischie, per cui distinguere amici da nemici era fondamentale. Come si distinguevano gli uomini di Pompeo da quelli di Cesare, o quelli di Antonio da quelli di Ottaviano? Usavano divise diverse? Indossavano dei mantelli? Cosa li distingueva in maniera netta?
    Grazie per la risposta!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.