ZWEILAWYER

La Guerra dei Sei Giorni (5-10 giugno 1967): le Migliori Citazioni

guerra-sei-giorni

Nel quarantasettesimo anniversario dall’inizio della Guerra dei Sei Giorni, vorrei riportare alcune citazioni di personaggi politici arabi e israeliani che riguardano il periodo immediatamente precedente.

Si tratta di estratti molto interessanti, e vi consiglio di leggerli tutte, perché il rapporto fra queste ultime ed i fatti effettivamente accaduti crea dei momenti di umorismo puro e simmetrico (nonché grottesco). Sulla Guerra dei Sei Giorni sono stati scritti molti libri, ma se vi interessa la questione puramente militare vi consiglio i volumi della Osprey.

six-day-war

Le seguenti citazioni sono una traduzione del testo presente su www.sixdaywar.co.uk

 Ovviamente non ho potuto evitare dei giusti et savi commenti. 

 8 Marzo 1965

“Noi non entreremo in Palestina con il suo suolo coperto di sabbia, entreremo con il suo terreno impregnato di sangue” 

Il presidente egiziano, Gamal Abdel Nasser

22 Febbraio 1967

“È dovere di tutti noi ora di passare da posizioni difensive a posizioni offensive ed iniziare la battaglia per liberare la terra usurpata … Tutti devono affrontare la prova e combattere fino alla fine.” 

Il presidente  siriano Attassi  

In realtà a entrambi non fregava nulla della Palestina. Come disse Zuhair Muhsin, membro del consiglio esecutivo dell’OLP:


“Non c’è differenza fra giordani, palestinesi, siriani e libanesi. Siamo tutti parte di una nazione. E’ solo per ragioni politiche che sottolineiamo la nostra identità palestinese, in particolare … sì, l’esistenza di una identità separata palestinese serve solo per scopi tattici. La fondazione di uno Stato palestinese è una nuova arma per continuare la battaglia contro Israele “.

Ricordiamo anche che i profughi palestinesi hanno uno status speciale rispetto a quelli serbi, bosniaci o africani, ovvero la possibilità di passare lo status di profugo alle generazioni successive, tanto che è stato creato (con i voti ONU arabi) un organismo apposito per loro, l’UNRWA, mentre TUTTI gli altri profughi del mondo sono protetti dall’UNHCR. Inoltre, l’ONU spende per ogni palestinese tre volte più di quanto spende per un bosniaco o un poveraccio del Darfur, impiegando uno staff trenta volte più numeroso. A chi è convenuto trasformare 150.000 persone in 5.000.000 (visto che procreano come conigli)? Ai paesi arabi, per fomentare l’odio verso Israele che invece ha, fra i suoi cittadini, centinaia di migliaia di musulmani (medici, avvocati, soldati dell’IDF) che non prenderebbero una eventuale cittadinanza palestinese neanche se gliela regalassero. D’altronde, a parte le risoluzioni votate da stati arabi e dittature sudamericane e africane, all’ONU sono depositate relazioni che riportano frasi di questo genere: “tutti gli sforzi internazionali per aiutare i profughi a divenire cittadini capaci di provvedere alle loro stesse necessità sono stati resi vani dall’intransigenza degli Stati arabi” (Assemblea generale dell’ONU, Relazioni ufficiali, 10^ Sessione, Supplemento n.15, A/1978).

1967

Israele ha rinunciato a quasi tutti i territori conquistati durante la Guerra dei Sei Giorni

In pratica, se l’UNRWA avesse impiegato i soldi per integrare (cosa abbastanza semplice) gli arabi di palestina negli stati vicini, adesso il problema sarebbe risolto.

8 Aprile 1967

“(Questa battaglia sarà) … seguita da battaglie ancora più dure fino a quando la Palestina sarà liberata e la presenza sionista eliminata.” 

Ministro siriano dell’Informazione Mahmoud Zubi 

Zubi divenne poi Primo Ministro Siriano. Dopo aver distrutto l’economia del paese, portando la moneta siriana da un rapporto con il dollaro 1:3 a 1:47, si sparò in faccia nel 2000 per non affrontare un processo per tangenti. Tanta voglia di eliminare Israele, ma alla fine ha eliminato solo sé stesso.

12 maggio 1967

“Visti i quattordici episodi di sabotaggio e infiltrazione perpetrati nel solo mese scorso, Israele potrebbe non avere altra scelta che adottare contromisure adeguate contro i punti focali di sabotaggio. Israele continuerà ad agire per prevenire ogni tentativo di sabotaggio all’interno del suo territorio, e non ci sarà immunità per qualsiasi stato che aiuti o favorisca tali atti. “. 

Levi Eshkol , Primo Ministro Israeliano 

13 maggio 1967

L’Egitto deve aspettarsi “una invasione israeliana della Siria subito dopo l’Anniversario dell’Indipendenza con l’obiettivo di rovesciare il regime di Damasco”

Informazione sovietica errata consegnato a Mosca ad Anwar Sadat.

15 Maggio 1967

“Israele vuole far capire al governo egiziano di non avere intenzioni aggressive di sorta nei confronti di di qualsivoglia stato arabo.”

Levi Eshkol , Primo Ministro Israeliano 

Non che Israele fosse contrario per principio alla guerra, ma non aveva alcuna intenzione di iniziarla. In caso contrario, avrebbe utilizzato come scusa una delle decine di sabotaggi e attentati che avvenivano sul suo territorio con cadenza mensile. 

Intanto nei paesi arabi uscivano vignette del tenore di quella qui sotto. Tutti erano convinti che, grazie ai loro eserciti e al supporto russo, la guerra sarebbe durata poco. E in effetti fu così.

guerra dei sei giorni

Presa da un libro di testo utilizzato dal governo siriano per alfabetizzare i soldati. Gli Israeliani (da notare il nasone, lol!) sono quelli che cercano refrigerio nel Mediterraneo.

16 maggio 1967

‘… Ho dato le mie istruzioni a tutte le forze UAR per essere pronte all’azione contro Israele nel momento in cui potrebbe procedere a qualsiasi tipo di azione aggressiva contro un qualsiasi paese arabo. A causa di queste istruzioni nostre truppe sono già concentrati nel Sinai sul nostro confine orientale. Per la completa sicurezza di tutte le truppe delle Nazioni Unite … Chiedo che Lei emetta l’ordine di ritirare immediatamente tutte le truppe. 

 Richiesta scritta da Nasser al Comandante UNEF (Gaza)

“L’esistenza di Israele ha continuato troppo a lungo. Accogliamo con favore l’aggressione israeliana. Accogliamo con favore la battaglia che abbiamo tanto atteso. E’ scoccata l’ora. E’ giunta la battaglia in cui distruggeremo Israele…..» 

Radio Cairo 

Ahi ahi ahi, mandare via le forze ONU in quel momento fu, come disse un parlamentare britannico “mandare via i vigili del fuoco quando inizia l’incendio”. Ma Nasser è convinto di rivendicare i diritti del 1956. Inizia anche la tiritera “distruzione di Israele”, che si rivelerà davvero lungimirante…

17 maggio 1967

“Tutto l’Egitto è ora pronto a tuffarsi in una guerra totale che metterà fine a Israele” 

Radio Cairo 

“Ieri avevamo sperato che la tensione nel triangolo Israele-Siria-UAR fosse scesa dopo l’esagerato spettacolo egiziano di mettere in allerta le sue forze intorno a Il Cairo . Ieri sera, però, noi e gli israeliani abbiamo saputo che gli egiziani hanno mosso forze militari nel Sinai . Ora hanno spostato le forze di fronte alla Forza di Emergenza delle Nazioni Unite sul lato israeliano-UAR e tutti e le hanno ordinato di ritirarsi. “

Memorandum di Rostow, Assistente Speciale del Presidente Johnson 

18 maggio 1967

“La caserma sionista in Palestina sta per crollare ed essere distrutta. Ciascuno dei cento milioni di arabi ha vissuto per diciannove anni in una speranza : vivere per vedere il giorno in cui Israele verrà eliminato … per le gang del Sionismo non c’è vita, non c’è pace né speranza  di rimanere nella terra occupata. “

“Ad oggi, non esiste più una forza internazionale di emergenza per proteggere Israele …. L’unico metodo che useremo contro Israele sarà una guerra totale che si tradurrà nello sterminio dell’entità sionista”. 

Radio Cairo

“L’Egitto ha deciso di porre fine alla presenza della Forza di Emergenza delle Nazioni Unite nel territorio della Repubblica Araba Unita e nella Striscia di Gaza. Pertanto chiedo che vengano prese le misure necessarie per il ritiro della Forza al più presto possibile “. 

L’Ambasciatore egiziano Kony a U Thant, Segretario Generale dell’ONU- ONU A/6730/Add.3 26 Giugno 1967

“A prescindere dalle ragioni alla base delle azioni che avete intrapreso, vorrei avvertirvi, in tutta franchezza, che nutro seri dubbi sulla questione… Credo che questa Forza ONU sia stata un fattore importante nel mantenimento della relativa pace nella sua area di operatività nel corso degli ultimi dieci anni, e che la sua revoca potrebbe avere gravi implicazioni per la pace “. 

U Thant, Segretario Generale dell’ONU, mentre comunica al Cairo che la Forza ONU sarà ritirata

«Lei ha ragione, signor Presidente, affermando che hanno portato la nostra pazienza ai limiti. Ci sono stati 15 tentativi di assassinio o sabotaggio nelle ultime sei settimane. Non abbiamo reagito. Questo di per sé dimostra che non c’è mancanza di temperanza e di responsabilità da parte nostra. D’altra parte, il problema non è risolto a tempo indeterminato dll’inerzia. Non possiamo sempre contare sui colpi di fortuna che finora hanno impedito agli atti terroristici di provocare le morti e le ferite programmati dagli autori.

Estratto dal telegramma del Primo Ministro Eshkol al Presidente Johnson. 

guerra dei sei giorni

Con i cannoni di tutte le nazioni arabe puntati contro, agli ebrei non rimane che buttarsi in mare

L’idea araba era quella ben spiegata dalla vignetta. La cosa divertente è che Nasser e gli altri fecero la voce grossa all’ONU, mandando via le forze di pace e preparandosi alla guerra.  U Thant , Segretario Generale dell’ONU, tentò anche di dissuaderlo, ma Nasser voleva schiantare le sporche reni giudaiche! Un atteggiamento da “14 milioni di baionette” che non ha mai portato fortuna a nessuno.

19 Maggio, 1967

“Io non voglio causare allarme, ma è difficile per me non avvertire il Consiglio che, per come la vedo io, la questione del Medio Oriente è più inquietante … anzi più minacciosa che in qualsiasi altro momento dalla caduta del 1956.” 

Segretario Generale dell’ONU U Thant, riunione del Consiglio di Sicurezza – UN S/7906 26 maggio 1967

Israele non avvierà le ostilità “… fino a quando o a meno che (le Forze Egiziane) non chiudano lo Stretto di Tiran alla navigazione libera di Israele” 

Messaggio di Primo Ministro Levi Eshkol al presidente francese de Gaulle.

“Israele non si fermerà davanti a nulla per eliminare il blocco. E ‘essenziale che il presidente Nasser non si faccia illusioni in proposito “

Dichiarazione del Primo Ministro Eshkol alle principali potenze marittime

“La nostra intenzione di considerare la chiusura dello Stretto come un casus belli è stata comunicata … ai ministri degli Esteri di quegli stati che avevano sostenuto la navigazione internazionale nello Stretto nel 1957 e successivamente. Non ci può essere alcun dubbio che questi avvertimenti abbiano raggiunto Il Cairo. Una cosa è ormai chiara. Se Nasser impone un blocco, la guerra sarà dovuta a un ‘errore di calcolo’, ma a una chiara e conscia predisposizione alla guerra “

Abba Eban, Ministro degli Esteri Israeliano

La comunicazione che la chiusura dello Stretto, fondamentale per i traffici mondiali, sarebbe stata considerata come casus belli è di importanza fondamentale per comprendere la natura dello scontro. 

20 maggio 1967

“Le nostre forze sono ora del tutto pronte non solo per respingere qualsiasi aggressione, ma ad attaccare, e a distruggere la presenza sionista nella patria araba della Palestina. L’esercito siriano, con il dito sul grilletto, è unito. Credo che sia giunto il momento di iniziare una battaglia di annientamento. ” 

Hafez Assad, ministro della Difesa siriano (sarà poi presidente della Siria, nonché padre dell’attuale presidente)

22 maggio 1967

“La bandiera israeliana non deve passare attraverso il Golfo di Aqaba. La nostra sovranità sull’ingresso al Golfo non può essere contestata ” 

Nasser, Presidente Egiziano

“Vogliamo una guerra popolare di liberazione su larga scala … per distruggere il nemico sionista” 

Dr. Nureddin al-Attasi, Presidente siriano, alle sue truppe 

guerra dei sei giorni

L’imminente guerra secondo un giornali libanese del 31 maggio 1967. Egitto, Siria, Giordania e Libano infilano cannoni in bocca e nel culo dello sporco giudeo.

L’esercito siriano “con il dito sul grilletto” rimediò 2.500 morti, 5.000 feriti e 591 prigionieri di guerra in 72 ore. Metà dei suoi tank e parecchi aerei andarono in cenere nello stesso lasso di tempo. In effetti Assad fu profetico, si trattò proprio di “una battaglia di annientamento.”

23 maggio 1967

 [Il blocco arabo di trasporto Israele nel Golfo di Aqaba è] illegale e potenzialmente disastroso per la causa della pace …. La dichiarata chiusura del Golfo di Aqaba ha portato una dimensione nuova e grave alla crisi. Gli Stati Uniti considerano il golfo un corso d’acqua internazionale “. 

Presidente Johnson 

24 maggio 1967

“[al Blocco di Egitto] non deve essere permesso diavere successo;. Gran Bretagna si unirà agli altri nel tentativo di aprire lo Stretto ” 

Il Primo ministro britannico Harold Wilson ad Abba Eban

26 maggio 1967

“Prendere Sharm el Sheikh significa scontro con Israele e che che siamo pronti ad entrare in una guerra generale con Israele. La battaglia sarà su vasta scala e il nostro obiettivo fondamentale sarà quello di distruggere Israele.” 

Nasser, Presidente Egiziano, discorso presso Consiglio Generale della Confederazione Internazionale dell’Unione Commerciale Araba

28 maggio 1967

“L’esistenza di Israele è di per sé un’aggressione … quello che è successo nel 1948 è stata un’aggressione – un’aggressione contro il popolo palestinese.
… (la crisi si è sviluppata perché) Eshkol ha minacciato di marciare su Damasco, occupare la Siria e rovesciare il regime siriano. Era nostro dovere venire in aiuto del nostro fratello arabo. Era nostro dovere chiedere il ritiro di UNEF. Quando l’UNEF ha abbandonato le sue posizioni, avevamo il dovere di andare presso il Golfo di Aqaba e di far tornare tutto com’era quando occupavamo Aqaba nel 1956 ” -.

 Nasser in una conferenza stampa per diverse centinaia di giornalisti da tutto il mondo

“Noi non accetteremo alcuna … coesistenza con Israele …. Oggi il problema non è l’instaurazione della pace tra gli stati arabi e Israele …. La guerra con Israeleva avanti dal 1948”. 

Nasser, Presidente Egiziano

guerra dei sei giorni

Nasser visto dai media arabi. EPIC FAIL.

31 maggio 1967

“Gli eserciti di Egitto, Giordania, Siria e Libano sono pronti ai confini di Israele … pronti ad affrontare la sfida, mentre dietro di noi sono gli eserciti di Iraq, Algeria, Kuwait, Sudan e l’intera nazione Araba. Questo atto stupirà il mondo. Oggi sapranno che gli arabi sono pronti per la battaglia, è scoccata l’ora. Abbiamo raggiunto la fase dei fatti e non di altre dichiarazioni “

Nasser, Presidente Egiziano

31 maggio 1967

“L’esistenza di Israele è un errore che deve essere corretto. Questa è la nostra occasione per spazzare via l’ignominia che è stata con noi dal 1948. Il nostro obiettivo è chiaro: cancellare Israele dalla carta geografica.

 Aref,  Presidente dell’Iraq

“Secondo i termini dell’accordo militare siglato con la Giordania, l’artiglieria giordana, coordinata con le forze di Egitto e Siria, è in grado di tagliare Israele in due nei pressi di Qalqilya, dove il territorio israeliano, dal confine dell’armistizio Giordano al Mar Mediterraneo, è largo solo 12 km.” 

Al Akhbar, quotidiano del Cairo

Quattro giorni dopo, Israele attacca. Dopo tutte le sparate arabe, ci si aspetta un grande contrattacco. Israele invece avanza. Più tecnologici, più addestrati e con un QI medio più alto dei loro avversari, i cari giudei mettono in ginocchio i tre eserciti nemici su tre fronti. Israele annienta in 48 ore le aviazioni arabe, che lasciano sul campo più di 450 aerei, e in 96 ore  provoca a Siria, Egitto e Giordania 21.000 morti (stima), altrettanti feriti, 6.000 prigionieri e perdite logistiche inestimabili (gran parte dei carri armati e dell’artiglieria).  

La Guerra dei Sei Giorni finisce con gli arabi che supplicano, come al solito, allo stesso Palazzo di Vetro dove, pochi giorni prima, si erano mostrati così spavaldi.

Il MILITARY FAIL definitivo.

___________________________

Per le immagini:

http://www.jewsandothers.com/

http://elderofziyon.blogspot.it/

Similar posts
  • Israele attraverso le Pagine de L’Unità: ... Pur dovendo sottostare alle esigenze di stringatezza del web, la serie su Israele Attraverso le Pagine dell’Unità (abbiamo trattato il 1946 e il 1947) ha ricevuto ampi consensi e feroci critiche, queste ultime piovute da chi non riesce ad accettare che l’Unità e tutti i comunisti italiani fossero schierati in modo compatto al fianco di [...]
  • Schiavi a Zanzibar: Tre Testimonianze Ottocente... Il Mercato degli Schiavi a Zanzibar raggiunse il massimo sviluppo nel XVIII e nella seconda metà del XIX secolo. Schiavismo Islamico ed Europeo Lo studio dello schiavismo e delle sue ramificazioni storiche è di estremo interesse. Nel corso degli anni, mi sono occupato in particolare dello schiavismo islamico, più esteso e sistematico (sia dal punto di [...]
  • Impero Ottomano e Safavidi: la Battaglia di Cia... Nel XVI secolo, i Safavidi minacciarono la supremazia dell’Impero Ottomano in Medioriente. Fu solo la Battaglia di Cialdiran (1514) a decidere il primo vero conflitto fra uno stato sunnita e uno sciita. Nel complesso, considerando anche la sola questione dottrinale, la lotta fra i due maggiori rami dell’Islam va avanti da quasi quattordici secoli. Dal punto [...]
  • La Rivoluzione Agricola Araba: Mito o Realtà? Nel 1974 Andrew Watson pubblica un articolo in cui conia il termine “Arab Agricultural Revolution” (anche se, successivamente, si è parlato anche di “Green Revolution”), ovvero “Rivoluzione Agricola Araba“. Le conclusioni si basano su una conoscenza limitata del mondo Antico e riprendono in parte il tema dell’innovazione tecnologica araba proposto nel 1876 da Antonio Garcia Maceira [...]
  • L’Epoca d’Oro della Sicilia Musulma... Affrontare l’esame della presunta epoca d’oro della Sicilia musulmana è estremamente complesso. Di solito, in un tripudio di approssimazione storica, viene liquidata come un’epoca di grande avanzamento scientifico, culturale, nonché di concordia e tolleranza fra popoli diversi. In questo modo, da un secolo e mezzo si perpetua il mito di un’epoca mai esistita. A volte basta una [...]

9 commenti

  1. giugno 6, 2014    

    #vinciamonoi

  2. Brollo Brollo
    giugno 8, 2014    

    Allah Snackbar!

  3. Nick Banana Nick Banana
    giugno 8, 2014    

    Nice job Nasser

  4. vajor vajor
    giugno 8, 2014    

    Che sorpresa questo blog! Se le citazioni sono vere è l’owned più bello della storia!

  5. Hinor Hinor
    giugno 9, 2014    

    Nel ventisettesimo anniversario…

    Nel ventisettesimo anniversario della guerra io non mi allacciavo le scarpe da solo, potevo mangiare il gelato solo dalla coppetta perché col cono me lo sarei versato tutto addosso, e mio padre lavorava su un computer con windows 3.1…

    Mi sa che siamo al quarantasettesimo.

    Per il resto, bell’articolo…

  6. Zweilawyer Zweilawyer
    giugno 9, 2014    

    Iniziare l’articolo con un errore di 20 anni è un EPIC FAIL.

  7. If your friend or family member has a pool, consider getting them a portable outdoor shower for their
    birthday this summer. Please remember however that most trampoline manufacturers recommend the trampoline should only be used
    by one person at a time. Appropriate here are
    just a suitable few discounts readily available online and
    in the store offering helpful deals on high-quality products that will likely brighten up truly
    the dullest connected with British summers for all the spouse and kids.

  8. Paggio Paggio
    giugno 10, 2014    

    (da notare il nasone, lol!)

    E’ mai successo che un arabo avesse lo stesso naso dell’ebreo del manifesto? 😀
    I passanti lo hanno linciato o lui ha menato l’illustratore? 😀

  9. Tolman Tolman
    giugno 11, 2014    

    M’è stato fregato il commento…
    No, non ho capito, ma i siriani-giordani-egiziani pensavano di avere il nasino alla parigina?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Supporta la storiografia 2.0

Statistiche

  • 62.455
  • 390.075
  • 5.765.234