ZWEILAWYER

Spade (VIII): la Claymore

claymore-spada

La Claymore è uno dei tipi di arma bianca che più ha sofferto la mediocre cura storica di talune produzioni filmiche. Nell’immaginario collettivo, la claymore è la spada del leggendario William Wallace. Peccato sia un falso storico.

Detto questo, facciamo un passo indietro. Torniamo alla buia Scozia cinquecentesca, dove i clan si fronteggiavano senza tregua e i regnanti inglesi tentavano di riprendersi ciò che avevano perso dopo la battaglia di Bannockburn.

La Claymore nacque lì, come ultima evoluzione della Half-Lang, una ramificazione locale della longsword. Ho parlato di XVI secolo, ma la questione della datazione della Claymore ha dato molti problemi, soprattutto perché buona parte della storiografia si è fatta traviare da falsi miti e da grotteschi tentativi di far passare armi post-rinascimentali come spade da battaglia degli eroi scozzesi del XIII e XIV secolo.

La prima data certa di cui disponiamo è il 1539, anno in cui passò a miglior vita Murchard MacPhee, Capo dei Duffies. La sua stele infatti riporta l’incisione di una Claymore tradizionale, con le caratteristica terminazione tri-quadrilobata dei bracci, quasi sempre piegati ad angolo acuto sulla lama, e il pomolo a ruota con bottone ipertrofico.

La stele di MacPhee. Oltre alla Claymore, merita un’occhiata la galea da gallowglass

Neanche a farlo apposta, la data del 1539 ci permette di racchiudere all’interno di 150 anni circa il periodo di utilizzo effettivo della Claymore in battaglia. Infatti, tutte le fonti concordano che l’ultimo utilizzo in battaglia della Claymore risalirebbe alla Battaglia di Killiecrankie (1689) .

La Questione Etimologica su wikipedia
The term claymore is an anglicisation of the Gaelic claidheamh mòr “great sword”, first attested in 1772 (as Cly-more) with the gloss “great two-handed sword”. The sense “basket-hilted broadsword” is contemporaneous, attested in 1773 as “The broad-sword now used […] called the Glaymore, (i.e. the great sword).” OED observes that the latter usage is “inexact, but very common”. The 1911 Encyclopædia Britannica likewise judged that the term is “wrongly” applied to the basket-hilted sword. Authors arguing that the basket-hilted sword is “incorrectly” called claymore have been known to suggest that claybeg (from a purported Gaelic claidheamh beag “small sword”) should be used instead.

Alcuni pensano che i termini Claymore e zweihander siano intercambiabili, ma sbagliano di grosso. Purtroppo, si tratta di un errore piuttosto diffuso. Nella bellissima saga videoludica The Elder Scrolls (Daggefall, Morrowind, Oblivion, Skyrim) troviamo ad esempio zweihander (con tanto di denti d’arresto) sotto il nome di Claymore.

Lowland Claymore, Half-Lang, Highland Claymore

Mentre sul continente sarebbe stata un’arma di poca utilità, la Claymore trovò la propria ragione d’esistere negli scontri fra clan, che spesso scendevano in battaglia con protezioni carenti.

Il discorso è analogo a quello fatto in relazione ai Gallowglass e alla loro ascia da guerra, che rimase in uso fino al XVII secolo (più o meno come la Claymore). Come opinione personale, credo che la Claymore raggiungesse la massima efficacia quando utilizzata contro gli arti del nemico, quasi sempre privi di protezione. La sua lama, a sezione lenticolare, ampia e a doppio taglio, era senza dubbio studiata per tagliare la carne.

Con una lunghezza media di 130-140 cm complessivi (quindi 20-30 in meno di una zweihander), la Highland Claymore permetteva a chi la impugnava di tenere a distanza il nemico e, cosa ovvia ma poco sottolineata, di ridurre lo svantaggio davanti ad un avversari armati di armi in asta (le più diffuse sui campi di battaglia). Il peso si aggirava sui 2-2.5 kg, quindi necessitava di un lungo addestramento e di una discreta forza fisica.

La particolarità dei bracci piegati verso la lama, mutuata dall’Half-Lang, ha portato alcuni esperti a ritenere che la guardia della Claymore fosse studiata per favorire la manovre di blocco e/o disarmo:

Blocco e Disarmo?
Louie Pastore, maestro di armi e arti marziali tradizionali scozzesi, scrive:

The destinctive Scottish sword guard with it’s down-turned terminals found on the Half-lang and Claidheamh da làimh swords, suggests that the Scots might have favoured blade-trapping techniques using the terminals to ‘lock’ an opponents sword.

Quanto all’acciaio utilizzato, specie nel XV-XVI secolo, gli armaioli più rinomati si trovavano in Germania e Italia. Per una questione di vicinanza geografica, gli scozzesi si rivolsero proprio ai tedeschi per farsi rifornire di lame pregiate.

Armi Italiane in Scozia
Gli scozzesi non erano grandi armaioli. Fra ‘500 e ‘600, quasi tutte le lame delle spade scozzesi con elsa a cesto (le basket-hilted sword chiamate erroneamente “Claymore”) di alta qualità portavano il marchio “Andrea de Ferrara“, un armaiolo italiano portato in Scozia da Giacomo V.

Visto che ho introdotto l’argomento “lame tedesche”, tanto vale procedere in questo senso, e distinguere la Claymore della Highland (H. Claymore) da quella delle Lowland (L. Claymore).

L.Claymore originale (sotto) e replica della Hanwei/Casi (sopra). Foto di Nathan Robinson.

Quest’ultima aveva forma e dimensioni più vicine a quella delle omologhe armi continentali. Possiamo immaginare senza problema gli operosi fabbri tedeschi intenti a forgiare qualche lama in più per venderla (immagino a caro prezzo) ai compari scozzesi. Oltre alle lame, è evidente che gli scozzesi apprezzarono anche i due anelli d’acciaio che spesso integravano la guardia delle zweihander, al punto che divennero una delle caratteristiche distintive della L. Claymore.

L’esemplare più strano di Claymore che mi sia mai capitato di rintracciare è quello conservato presso il Museo di Edimburgo. L’ho trovato leggendo un volume ottocentesco che consiglio a tutti, “Ten thousand wonderful things : comprising whatever is marvellous and rare, curious, eccentric, and extraordinary, in all ages and nations” (1894).

Oltre alle dimensioni, superiori a quelle di una Claymore media, l’arma in questione è dotata di 4 bracci (con la caratteristica terminazione a “quadrifoglio”) e di un’ impugnatura in corno di narvalo davvero molto storta. Anche qui, la leggenda inventata dai venditori di fumo ci narra che la spada fu brandita da Re Bruce a cavallo fra XIII e XIV secolo. Niente di più falso. Non ho visionato il reperto dal vivo, ma dalle immagini mi sembra difficile anche una sua datazione al XVI secolo. Maneggiare una lama del genere è fisicamente impossibile. Per me si tratta di un falso vittoriano, analogo al “Mazzamostro” citato nell’articolo sulle Mazze d’arme.

Incredibile, no?

Per quanto possibile, la falsa spada di Wallace (che non merita un’apposita foto in questo articolo) è ancora peggio. La Narval-sword almeno testimonia il gusto per il weird vittoriano, mentre quella di Wallace è una brutta Lowland Claymore del XVI secolo, forse da parata, sbattuta in una teca con un’etichetta falsa. Non ha sguscio, cosa quasi impossibile per una spada con sezione lenticolare, i bracci della guardia sono corti, l’impugnatura è corta e tozza. Non parliamo poi degli anelli a protezione dell’impugnatura, che entrarono in voga in età rinascimentale.

Inoltre, 169 cm complessivi e 2.7 kg di peso non sono misure plausibili per una spada medievale.

C’è un’ultima questione. Immagino che molti di voi che si stiano chiedendo a cosa dobbiamo le armi del manga Claymore, ecco la risposta:

Incisione del 1890ca, Dunvengan Castle

Foto:

Jimandsandi, WikipediaAlbionArmorersSwordforum, Nathan Robinson

Similar posts
  • Giorgio Castriota Scanderbeg: dalla Pace con Ve... In soli quattro anni, Giorgio Castriota Scanderbeg e i suoi alleati hanno sconfitto sia gli Ottomani che i Veneziani, due nemici molto più ricchi e con una grande esperienza di guerra. E’ il 1448, e la lotta per l’indipendenza albanese è appena iniziata. Dopo aver sconfitto i Veneziani, il 4 Ottobre 1448 conclude con loro un [...]
  • La Morte di Carlo XII di Svezia: un Caso Irriso... È la sera del 30 novembre 1718, all’incirca le nove. Il re Carlo XII di Svezia sta supervisionando lo scavo di una nuova linea di trincee, con lo scopo di avvicinare il suo esercito alla fortezza di Friedrikshald. Questo articolo mi è stato inviato da uno studioso, Paolo De Montis, che si è preso la [...]
  • Giorgio Castriota Scanderbeg: Il Dragone d̵... Giorgio Castriota Scanderbeg è il personaggio più importante della storia albanese. L’idea stessa di Albania si cementa durante la sua ascesa e riesce a sopravvivere fino al XIX secolo nonostante il giogo turco. Scanderbeg è al tempo stesso eroe, guerriero, comandante militare, politico, mediatore e, inevitabilmente, le sue biografie sono spesse ammantate da una coltre [...]
  • Lützen 1632: l’Ultimo Ruggito di Gustavo ... Gustavo Adolfo, re di Svezia, nel 1632 è reduce dalla brillante vittoria ne la battaglia di Breitenfeld. La mattina del 16 novembre 1632, nonostante la fitta nebbia che preme nei pressi di Lutzen, il suo esercito è pronto a scontrarsi con quello cattolico, guidato da Albrecht von Wallenstein. La velocità di spostamento degli esseri umani permessa dalle [...]
  • Corsari Barbareschi in Islanda: l’Incursi... Nel 1627, un gruppo di Corsari Barbareschi portò a termine una devastante incursione in territorio islandese. In quel periodo, l’Islanda contava circa 50.000 abitanti. Le navi nordafricane tornarono in patria con oltre 400 schiavi. Dopo aver passato dieci anni al servizio di padroni arabi, berberi e turchi, 27 islandesi riuscirono a tornare a casa. Qui sotto [...]

27 commenti

  1. Tenger Tenger
    ottobre 22, 2011    

    Interessante articolo. Mi chiedo però: la spada del narvalo, tanto appariscente quanto inutile, non potrebbe essere un’arma da parata?

  2. Zweilawyer Zweilawyer
    ottobre 22, 2011    

    Potrebbe. L’unica cosa certa è che se Re Bruce l’avesse impugnata una sola volta in battaglia, sarebbe schiattato.

  3. il_Fabri il_Fabri
    ottobre 22, 2011    

    Basta impugnarla stando distante qualche centinaio di metri da qualsiasi pericolo 😀

    Per il resto, ora leggo e studio

  4. ottobre 22, 2011    

    La battaglia di Killiecrankie fu quell’ilare episodio in cui i coraggiosissimi, barbuti, sozzi guerrieri dei clan caricarono da sconsiderata distanza all’arma bianca linee di moschettieri e, bang bang, indovina un pò come finì?… 😆

  5. Stefano Stefano
    ottobre 22, 2011    

    Quindi devo ringraziare quell’ incisione se il manga (che trovo piacevole per il resto) ha certi arnesi dentro… ergh…

    Ottimo articolo, grazie 🙂

  6. ottobre 22, 2011    

    Un altro mito che mi è caduto, grazie Zwei :o:

    Ti odio. :-[)

    Ma allo stesso tempo ti ringrazio, perché è interessantissimo leggere articoli simili. Vien dunque da chiedersi: che arma usò Wallace nella realtà?

    Vorrei chiederti/chiedervi alcune cose che non ho capito:

    Primo) La Claymore è da considerarsi a due mani? Credo di sì, visto che c’è scritto che era comoda contro gli armati con armi ad asta (ed è lunga un metro e 40), però non si sa mai, magari ho capito male. Non vorrei metterla in mano a un personaggio che intanto tiene anche uno scudo :bloody:

    Secondo) Per quale ragione, in Scozia, le protezioni sono rimaste simili a quelle medievali anziché evolversi come nel resto d’Europa? Questa cosa m’interessa parecchio, perché se voglio mettere armi simili in una storia devo sapere il perché quella determinata arma si sia evoluta.

    Terzo) Sai che non ho capito la differenza fra una Lowland e una Highland? Cambiano solo di lunghezza?

    Scusa per l’incomprensione

  7. Annoyed_Grunt Annoyed_Grunt
    ottobre 23, 2011    

    Uh, interessante. Appena ho tempo leggo tutti gli articoli sulle armi, sono ignorantissimo su questo campo.

    La spada di narvalo è trashissima, potrebbe essere stata spacciata come lama con manico d’unicorno? Non so se ai tempi sapessero o no che i supposti corni d’unicorno fossero corni di narvalo, ma nel caso non ne fossero al corrente potrebbe essere stata spacciata come “spada dagli incredibili poteri blablabla” (situazione da fantatrash, insomma).

  8. Hinor Hinor
    ottobre 23, 2011    

    @ Giacomo:

    Non dono un inteditore, ma:
    1- Direi che la Claymore è chiaramente un’arma a due mani, dato che zwei parla di 2 chili e mezzo abbondanti, e che l’elsa e molto lunga…

    2- Per la quastione delle amrature, come dice zwei nell’articolo gli scozzesi non erano affatto abili fabbri.

    3- Nella questione Lowland/Highlad, nota che la guardia è completamente diversa: nella Lowland è simile a quella di una Zweihander.

  9. ottobre 23, 2011    

    Grazie per la prima e la seconda. Scemo io a non averci pensato.

    2) Sì, ma perché? :(( Possibile che non ci fosse nessuno ma proprio nessuno in tutta la Scozia a saper forgiare armature migliori? è che suona davvero strano…

  10. Hinor Hinor
    ottobre 23, 2011    

    Non è certo il singolo armaiolo che permette la diffusione delle corazze: comunque io non sono affatto un esperto di quel contesto storico, quindi non so darti una risposta…

  11. ottobre 23, 2011    

    No beh, ovvio che non è il singolo armaiolo, però mi suona strano, ecco. Non capisco perché la tecnica non si sia diffusa.
    O meglio, non è che non lo capisco, semplicemente non lo so, il perché. :((

  12. Zweilawyer Zweilawyer
    ottobre 23, 2011    

    @Giacomo

    1) Ovviamente, la Claymore è una spada a due mani.
    2) Gli scontri fra clan sono una storia a parte. D’altronde, combattere con una Claymore fino alla fine del XVII secolo sarebbe stata follia in qualsiasi campo di battaglia europeo. Anche in Europa però, almeno fino all’avvento delle truppe mercenarie sempre più specializzate, il grosso della fanteria non disponeva di protezioni complete. Ad esempio, dai resti archeologici della Battaglia di Wisby (Danimarca, 1361) è emerso che molti guerrieri avevano subito l’amputazione di un arto.
    3)Come ho scritto, la L.Claymore è più vicina alla Zweihander come dimensioni (puoi vederlo anche dalle immagini) e forma dell’elsa.

  13. tolman tolman
    ottobre 24, 2011    

    Che armi usò Wallace? Probabilmente le stesse che usavano i suoi nemici. Ed ovviamente non portava neppure quel ridicolo pseudo-kilt del film, né si pitturava la faccia.

  14. ottobre 24, 2011    

    Articolo davvero molto interessante, come sempre.
    Mi chiedo se ci delizierai con un analogo intervento proprio sull’altra arma, la spada lunga con l’esta a cesto 8assimilabili alle schiavone?).

  15. tolman tolman
    ottobre 24, 2011    

    A quanto ricordo, la differenza fra schiavona e finta claymore era il colore dell’imbottitura dell’elsa… ma potrei sbagliare.

  16. ottobre 24, 2011    

    Bravi, fatemi cadere altri miti. Mi esalto come una bestia quando vedo Wallace con la faccia dipinta caricare come un folle e voi volete privarmene eh? EH?

    Carogne senza cuore! :bloody:

    @Zwei: Causa costi o mancanza di materiale? Comunque ho capito, grazie.

  17. iome iome
    ottobre 24, 2011    

    ben fatto come sempre

    ma sei stato un po’ stitico per i tuoi standard,arrivato all’incisione che ha ispirato le strunzate del manga claymore, FINE, ci sono rimasto male

    potrebbe essere l’occasione per parlare della basket hilt broadsword, il che potrebbe essere lo spunto per parlare del nostro amato mad jack

  18. ottobre 24, 2011    

    Giacomo, infierisco
    http://www.bloopers.it/?id_film=377

    e se non bastasse

    http://www.villaggiomedievale.com/forum/topic.asp?TOPIC_ID=1846

    resta comunque un bel film, l’avrò visto decine di volte.

  19. ottobre 24, 2011    

    Ti odio lessà. Ti odio. Ma proprio tanto :bloody: :-[) 😐

    Bello però quel sito, bloopers, credo che ci passerò diverso tempo… 😀

  20. ottobre 24, 2011    

    Typo da correggere: “davanti ad un avversari armati di armi in asta”

    Ricordo che al liceo, in Letteratura (e storia) inglese, studiammo appunto la vicenda di William Wallace e nel libro c’era la foto della leggendaria spada, all’interno della teca.
    Il fatto che il mito sia stato sfatato mi ringalluzzisce e ora ho voglia di tornare dalla prof, farle leggere l’articolo, dopodiché inviare via mail il link agli autori del libro di testo con oggetto: “Vergogna”. 🙂
    Grazie di esistere, Zwei.

  21. ottobre 25, 2011    

    @ Giacomo (con riferimento a questo):
    a) allora, in Iscozia medioevale le cotte di maglia esistevano (così come in Irlanda, perlatro) ma, come ovunque in europa erano cose costose, che si potevano permettere i combattenti specializzati a cavallo (nel nostro caso, un’elite di franco-normanni insediatasi nelle Lowlands e nelle Marche a partire dall’epoca del buon MacBeth (e del suo infame successore Malcom III, che iniziò il processo di feudalizzazione della scozia, fra il resto introducendo un buon numero di furfanti normanni e l’uso del francese a corte).
    b) da allora, l’armata scozzese, che prima si componeva essenzialmente di una gran massa di pedoni armati alla leggera, venne divisa in due: da un lato l’esercito scozzese (ovvero formato dalle leve di Scoti), dall’altro le leve feudali (scoto-normanne) e le truppe fornite dai burghs; ma anche qui, la protezione che potevano permettersi la massa delle trupe era al più una veste imbottita, o un farsetto di cuoio;
    c) anche in seguito alle complicate e lunghe vicende della Scozia (che, ricordiamo, già all’epoca consisteva in una desolazione di brughiera, soprattutto nelle Highlandas, in conseguenze della piromania dei tuoi amati vichinghi) era una terra povera, e le cotte di maglia stesse (lente e difficili a prodursi) iniziavano a diventare obsolete e rimanevano affari costosi e lenti da produrre. Claymore (e protezioni corporee più o meno complete) restavano comunque armi d’elite, riservate ai capiclan. Come ai bei vecchi tempi andati dell’epoca La Tené, il fantaccino caricava protetto al massimo dal suo orgoglio tribale XD

  22. novembre 8, 2011    

    Ottimo articolo!! Grazie!! 🙂

  23. Fabrizio Fabrizio
    giugno 28, 2013    

    Ciao a tutti, ho trovato molto interessante questo articolo, son capitato su questa pagina in quanto mi sto interessando proprio a questo tipo di spada e son “inciampato” appunto sul disegno della claymore con il sottile ricasso! Mi pare di capire che questa lama è da voi ritenuta una “fantasia” ma non credo sia esatto, vi rimando ad un link:
    http://www.myarmoury.com/talk/viewtopic.9398.html
    Mi pare dunque che questa tipologia di lama sia veramente esistita!

  24. Terra Nova Terra Nova
    giugno 29, 2013    

    La spada nell’incisione riportata da Zwei è proprio quella di Dunvengan Castle del tuo link: che la spada esista è fuor di dubbio, mentre la sua datazione mi sembra invece abbastanza incerta, anche nella discussione da te linkata; ad ogni modo, se usata in combattimento, non penso una lama con quella strozzatura potesse sopportare più di una manciata di colpi prima di spezzarsi direttamente sopra l’elsa.

  25. kinginthenorth kinginthenorth
    ottobre 28, 2014    

    Articolo interessante che prova ulteriormente come gran parte del medioevo venne inventato dall’ottocento romantico e come tali invenzioni siano giunte ancora a noi.
    Esistono due W. Wallace, quello della creazione romantica e pervenutoci sino al film di Gibson (un personaggio che compendia in un certo senso tutta la “Scottishness”: facce pitturate col guado secondo l’uso dei pitti, claymore cinquecenteschi, kilt settecenteschi) e quello storico che ci rimandano le fonti dell’epoca. Eppure sia il primo – il prodotto culturale vittoriano – che il secondo – il personaggio storico – esistono e sono entrambi degni oggetti di studio. Dalla storia medievale si passa al medievalismo. Lo stesso discorso potrebbe farsi per l'”invezione” di Alfredo il Grande fatta dall’età vittoriana che istaurò (senza nessuna difficoltà!) un legame diretto tra il re del piccolo Wessex dell’età dell’eptarchia e la Regina del Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda e Imperatrice d’India.
    P.s: la battaglia del bang bang credo sia non Killiecrankie – dove i giacobiti caricarono prima che le file degli orangisti ebbero il tempo di inserire la baionetta) – ma Culloden (1746).

  26. Zweilawyer Zweilawyer
    ottobre 28, 2014    

    Come non concordare, caro king. La ricerca storiografica deve liberarsi da certe fonti ottocentesche che hanno distrutto la verità storica. E per farlo si potrebbe partire proprio dai tanti autori dello stesso periodo che non hanno ricevuto le stesse attenzioni a causa di posizioni non in linea con la politica dei governanti.

  27. Paolo Paolo
    maggio 26, 2016    

    La “galea” raffigurata sulla stele di MacPhee è un Birlinn, tipica imbarcazione utilizzata in tutta la Scozia gaelica (Ebridi ed Highlands) durante il MedioEvo, la cui forma è una evoluzione delle imbarcazioni vichinghe, popolo molto attivo nelle isole britanniche durante quel periodo storico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Supporta la storiografia 2.0

Statistiche

  • 63.319
  • 390.939
  • 5.766.098